fbpx
Type and hit ENTER

Chi sono

in tre parole: creativa, ottimista, idealista

La mia bio in 2 righe / le informazioni essenziali

Mi chiamo Paola Tartaglino, sono project manager freelance, consulente per progetti creativi e design blogger, naturalmente.

Sono italiana, ma vivo a Barcellona.

La mia bio lunga lunga / per i più curiosi

Sono nata tra le colline del Monferrato nel 1982 e racconto sempre a tutti che gli anni del liceo sono stati per me bellissimi: ho sviluppato il mio gusto nel pieno degli anni Novanta, ho scritto pagine e pagine di sogni (spoiler: alcuni si sono poi avverati!), ho scoperto l’amore, ho suonato il basso, ho portato avanti piccole e grandi battaglie, ho deciso da che parte stare, ho iniziato a viaggiare.

Durante gli anni dell’università mi sono trasferita a Torino, dove ho studiato, ho ballato, ho fatto tutte le cose pazze dei vent’anni, ho conosciuto alcune delle persone più importanti della mia vita, ho riso, ho pianto, mi sono innamorata e mi sono fatta spezzare il cuore a ripetizione, ho lavorato in un negozio di abbigliamento, per le Olimpiadi e in un autonoleggio, ho guardato la piena del Po dal ponte di piazza Vittorio e mangiato pizza a colazione.

Sono sempre stata fortunata, così sono anche riuscita, per oltre 10 anni, a fare il lavoro per il quale avevo studiato: lo storico dell’arte contemporanea, nello studio di Giuseppe Penone.

La mia prima tesi è stata sulla decorazione degli interni dei transatlantici che viaggiavano tra l’Italia e gli Stati Uniti; nel dopoguerra venivano istituite commissioni ufficiali che avevano il compito di selezionare il meglio del Made in Italy, per fare in modo che le navi diventassero una vetrina galleggiante delle eccellenze nel campo dell’arte, dell’artigianato e del design.

La seconda tesi invece è stata sugli interni progettati da Carlo Mollino negli anni Trenta, per sè e per gli amici: interni pieni di suggestioni surrealiste e citazioni colte, che ho cercato di identificare.

Così, per coltivare la passione per il design, nel 2013 ho iniziato a scrivere questo blog e posso dire che proprio da qui è iniziata una rivoluzione nella mia vita lavorativa.

Nel 2015 ho iniziato a collaborare con CasaFacile: ho pubblicato oltre 100 notizie brevi sul cartaceo, oltre 200 articoli sul sito web, ho curato contenuti originali per gli inserzionisti e realizzato uno shooting di interni.

Nel 2016 ho fondato hoppípolla – cultura indipendente per corrispondenza, un servizio in abbonamento per ricevere ogni mese una scatola di prodotti selezionati realizzati in collaborazione con creativi italiani e stranieri: oggetti di design, pubblicazioni indipendenti, prodotti illustrati, suggerimenti musicali e piccole sorprese.
In tre anni ho fatto cose pazzesche, ho conosciuto persone meravigliose e collaborato con tanti illustratori e designer. Ma a un certo punto ho sentito di non appartenere più al progetto e così ho scelto di dirgli addio, nell’estate 2019.

Mentre ero impegnata a fare tutte queste cose, mi sono anche innamorata – questa volta dell’uomo giusto – e insieme abbiamo viaggiato tantissimo (lo raccontiamo su un altro blog, Carapau Costante). Insieme a Marco, a inizio 2020 e alla vigilia dei 40 anni, abbiamo deciso di fare il grande salto e ci siamo trasferiti a vivere a Barcellona.

Poi è arrivata una crisi epocale e io – eterna ottimista – non mi sono fatta prendere dal panico e anzi ho colto l’occasione per fermarmi, ragionare e reinventarmi, ancora una volta.

Oggi, come dicevo, vivo a Barcellona e ho scelto di diventare libero professionista perché credo in quello che faccio, perché non mi stanco mai di reinventarmi e perché nutro la mia creatività proprio grazie agli stimoli che mi arrivano da tante direzioni differenti.

Interviste

logo-frizzifrizzi

Nella primavera del 2020, in piena pandemia, la squadra di Frizzifrizzi ha portato avanti un lavoro pazzesco, intervistando tantissime persone che hanno un mestiere creativo. Tra queste persone c’ero anche io. Al link qui sotto puoi leggere le mie risposte per L’arte di starsene a casa, ma ti suggerisco di leggere anche quelle dei miei colleghi.

L’arte di starsene a casa, Frizzifrizzi aprile 2020

Westwing Interior Lover 2020-wemakeapair

Quest’anno sto avendo tante soddisfazioni, tra cui essere stata inserita (di nuovo insieme a colleghi che stimo sinceramente) nella selezione di Interior Lovers di Westwing: è stata una bella occasione per rispondere a qualche domanda sul mio lavoro e sul mio blog, trovi l’intervista al link qui sotto.

Interior Lovers / Paola e We Make A Pair: il suo spazio creativo, westwing.it giugno 2020

Chi sono | WE MAKE A PAIR